"Sei mesi ad accogliere il mondo"

Tante, tantissime sono state le persone (oltre 21 milioni) che hanno visitato Expo, nell’arco dei sei mesi. Molte di loro, per l’ampiezza del sito e il desiderio di scoprire diversi padiglioni, sono tornate più volte. Ma ci sono persone che hanno vissuto Expo in maniera totale. Sono i lavoratori di ExExpo - Letizia Gualdonipo. Un numero impressionante di persone diverse (circa 20mila nell’arco dei sei mesi): dallo staff dei padiglioni (italiani o delle nazioni specifiche dei tanti Paesi presenti) agli addetti alla pulizia e alla manutenzione, da cuochi e camerieri a hostess e interpreti, senza dimenticare i responsabili della sicurezza, militari e forze dell’ordine o i tanti volontari (8mila) che gratuitamente hanno dato la propria disponibilità nel supporto ai visitatori. Un successo indubbio quello di Expo, da Expo - Giuseppe Monticellimolti punti di vista. Milano, e in particolare il sito espositivo, sono stati in grado di accogliere milioni di visitatori, grazie soprattutto al contributo di tutti i lavoratori che hanno partecipato alla gestione dell’evento. Vivere l’Esposizione Universale dando il proprio contributo personale, lavorando all’interno del sito, è stata una possibilità unica ed estremamente diversa da quella del ‘semplice’ visitatore. Come ‘lavoratori di Expo’ abbiamo acquisito competenze e abilità. Ha significato affrontare la fatica e la stanchezza di ritmi, stress e pressioni intense ma soprattutto il dono di incontrare ogni giorno un numero straordinario di persone provenienti da tutto il mondo, entrare in contatto con Paesi lontani, con tradizioni e culture diverse. Il privilegio di percorrere il Decumano ogni giorno e accorgersi, ogni giorno, di lasciarci un pezzo di cuore. Perché un’esperienza così bella e così stimolante ti segna nel profondo. La sfida ora è quella di cercare di vivere lo straordinario vissuto a Expo nell’ordinario,Expo - Etra Naggi portando la gioia, l’entusiasmo e la capacità di accogliere l’altro nella vita di tutti i giorni.

Giuseppe Monticelli - Turbigo
"Lavorare per Expo è stato come vivere una dimensione mondiale, concentrata in un solo posto. Incontrare persone e culture nuove ogni giorno, così come l’aver incontrato moltissimi giovani, è stata una esperienza straordinaria".

Etra Naggi - Cuggiono
"Un ambiente magico, circondato da persone, colleghi e visitatori, davvero magnifiche. La formula perfetta e quasi incredibile per vivere un’esperienza indimenticabile".