La vendemmia del Baragioeu

Tempo di vendemmia. Nell'immaginario collettivo, e anche nell'arte del passato, il mese di settembre viene associato alla raccolta dell'uva. Con un'estate così bella e calda la vendemmia a Cuggiono è stata anticipata a sabato 29 agosto, per la raccolta di uve destinate alla produzione del vino 'baragioeu' tanto caro alla tradizione cuggionese. E' un vino che risale al passato agricolo di Cuggiono, quando i contadini lo producevano mescolando l'uva clinto con quella americana. Lo strano nome deriva da 'baraggia': terreno argilloso. Per mantenere viva la tradizione di questo vino, così particolare, gli Amici del Museo lo producono una volta all'anno, grazie alla vite coltivata nel parco di Villa Annoni. In preparazione della 32^ Sagra del Baragioeu, in programma dal 4 al 6 settembre, si è svolta sabato pomeriggio una prima parte della vendemmia, che verrà completata nel pomeriggio di mercoledì 2 settembre. I bambini, insieme ai loro genitori, hanno partecipato divertendosi alle varie fasi della vendemmia. Gli abbondanti grappoli d'uva raccolti, riposti nei contenitori, son stati poi lavorati e pigiati: ora occorreranno tre mesi di fermentazione per la produzione del vino novello, che si potrà assaggiare il prossimo anno. In occasione della sagra di quest'anno, venerdì 4 settembre, in Basilica, alle 21, in collaborazione con la parrocchia, viene presentata la figura di un grande intagliatore cuggionese, Carlo Garavaglia, attraverso un incontro con Paola Barbara Piccone Conti e la musica di Ruben Giuliani e Davide Colombo. Sabato 5 settembre, alle ore 17.30, nelle sale centrali, inaugurazione della mostra fotografica (che sarà possibile visitare fino al 13 settembre) di Franco Gengotti 'Lo stereoscopio in trincea', immagini dal fronte della grande guerra in tre dimensioni, a cura di Danilo Calcaterra. La sera, dalle 20, è possibile cenare con pesciolini, patatine o panini, mentre dalle 21 intratterrà i presenti la musica de 'I Singoli'. E' domenica che la festa entra nel vivo con la dedicazione della sala principale del museo ad Anna e Luigi Venegoni e la possibilità di visite guidate, mentre nel chiostro sarà possibile ammirare diverse curiose esposizioni: modellini, velocipedi e libri antichi, oltre alla dimostrazione del 'cercatore d'oro'. Imperdibile l'appuntamento con il pranzo del Baragioeu, con specialità tipiche. Dalle 14.30 invece degustazione gratuita, nel chiostro, del Baragioeu e del Pan Tramvai. A seguire la dimostrazione della produzione di ghiaccio e, in occasione del centesimo compleanno, l'autobotte 'sbrofa' nel parco. Una manifestazione nel ricordo della storia locale che vale la pena aiutare a conservare, partecipando numerosi e sostenendo così l'impegno dei soci del Museo Storico Civico Cuggionese.